Come comprare la pubblicità su ILU
visita la pagina ufficiale
InLiberaUscita

I racconti di Ciro Spina: Giuseppe Salvini, una statua al Verano

Da i “Racconti di Porto d’Anzio”: Giuseppe Salvini, una statua al Verano

L'autore Ciro Spina

L’autore Ciro Spina

Nel 1927 il Governatorato di Roma decise di erigere un monumento in ricordo dei caduti del sommergibile Sebastiano Veniero[1], affondato nei pressi di Capo Passero in Sicilia nel corso di un’esercitazione della Squadra Navale Italiana.

Nel 1930, al cimitero Verano di Roma, fu installata una bellissima statua di bronzo dello scultore Publio Morbiducci che, in ricordo del fatto, ritraeva un marinaio.

Lo scultore decise di realizzare l’opera reclutando il modello cui ispirarsi tra i marinai in libera uscita dalle caserme. Un giorno gli occhi dell’artista si posarono su Giuseppe Salvini, un bel giovane anziate alto, scuro di carnagione e con i capelli corvini che, fuori dalla caserma, lavorava come bagnino nella nascente Ostia poiché era un ottimo nuotatore.

Quando Morbiducci propose al ragazzo d’offrirsi disponibile a posare come modello per la sua imminente opera bronzea, il giovane accettò di buon grado, accordandosi sul compenso che doveva ricevere senza chiedere né capire a cosa servisse la scultura. Pochi giorni dopo il bel Giuseppe iniziò a posare per l’artista nell’atto del ‘lancio del sacchetto’, un gesto compiuto dai marinai nel corso delle operazioni di ormeggio delle navi. Terminato il lavoro, la statua fu installata al cimitero del Verano e inaugurata con una solenne cerimonia, cosa che rimase del tutto sconosciuta al giovane.

Anzio antica, molo e veduta del porto

Anzio antica, molo e veduta del porto

Successivamente alcuni portodanzesi in visita al cimitero di Roma, notarono quanto fosse sorprendente la somiglianza del marinaio ritratto nella statua con il loro compaesano Giuseppe Salvini e quando questi si congedò e tornò ad Anzio, fu immediatamente informato di tale curiosa coincidenza.

Così Giuseppe, intrigato dalla diceria che lo riguardava, fece appositamente una visita al Verano. Con sommo stupore riconobbe la scultura dell’artista Morbiducci per la quale aveva fatto da modello anni prima. La vicenda divenne un fiore all’occhiello dei suoi discorsi per tutta la sua vita.

[1] Sommergibile della Regia Marina che affondò accidentalmente, speronato in fase d’immersione dal mercantile Capena il 26 agosto del 1925, mentre partecipava a manovre navali nelle acque del canale di Sicilia.

 

Questo racconto, pubblicato con l’autorizzazione dell’autore,  è tratto dal libro “RACCONTI DI PORTODANZIO ” di Ciro Spina, edito dall’Associazione Culturale 00042.

Condividi questo articolo:

Share to Google Buzz
Share to Google Plus
Share to LiveJournal
Share to MyWorld
Share to Odnoklassniki
Share to Yandex

Articoli Correlati:

Nettuno- Eufemi sul parcheggione: “Stravolto il progetto, una follia solo pensarci”
Anzio- Dal 14 maggio al via la differenziata negli stabilimenti
Libertà e Azione dona gli apparecchi medici a Pediatria
"Non ci date Carta Bianca" venerdì 5 agosto al Teatro di Villa Adele ad Anzio
Riserva Puccini-Vignarola. Regione e Comitato: bloccate tutto
Anzio Bike, vittoria in rosa nella gran fondo di Forano

avatar Scritto da il mar 19 2017. Registrato sotto Attualità, Le Immagini, Prima Pagina. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

Galleria fotografica

Accedi | webmaster