Come comprare la pubblicità su ILU
visita la pagina ufficiale
InLiberaUscita

I racconti di Ciro Spina: Nuovi quartieri e vecchie usanze

Da i “Racconti di Porto d’Anzio”: Nuovi quartieri e vecchie usanze

L'autore Ciro Spina

L’autore Ciro Spina

La popolazione di Portodanzio dopo la seconda Guerra Mondiale era costituita da poche anime. Tutti si conoscevano e si chiamavano amichevolmente l’un l’altro cuggì!. Fino al 1957 i residenti originari abitavano in centro, intorno alle piazze, al porto, in via Fanciulla d’Anzio, nei palazzi a fero de cavallo di via Aldobrandini, in via Gramsci, al ‘Maialetto’, nei dintorni di Villa Adele e al ‘Muntarone’, tra via Porto Neroniano e la riviera di ponente.

Negli anni successivi l’inarrestabile processo d’immigrazione da altre regioni, diede lo stimolo per la realizzazione dei primi insediamenti popolari di Anzio Colonia, delle palazzine dei Repubblicani sulla via Nettunense, del quartiere Europa e delle lottizzazioni di Lavinio, fino al più recente rione chiamato Zodiaco. Questi nuovi quartieri decentrarono la popolazione e i portodanzesi si spostarono verso le zone periferiche per costruirsi villette in campagna, tanto da perdere pian piano i contatti tra i vari parenti. Gli appartamenti in centro vennero venduti ai romani che desideravano andare al mare in estate e così il cuore della cittadina divenne gradualmente “forestiero”, perdendo molte usanze popolari.  anzio-antica-pescatoria00142537

All’epoca in cui la popolazione era tutta concentrata tra il centro e il porto di Anzio, la mattina del 24 dicembre era consuetudine che le paranze mollassero gli ormeggi per andare in mare e fare una cala[1] per gli amici. Infatti a nessuno dei compaesani e conoscenti doveva mancare il pesce fresco per il cenone natalizio e già verso le dieci di mattina le paranze erano di ritorno al porto per distribuire un po’ di pescato a parenti e cari che si facevano trovare sulla banchina. All’epoca non esistevano buste di plastica quindi ognuno porgeva un fazzoletto pulito al marinaio, che vi deponeva una parte del pesce appena preso, una manciata di frittura, due polpetti o due merluzzi e qualche bronchetto. E chi non poteva recarsi in banchina non veniva certo dimenticato. I marinai si organizzavano per andare direttamente a casa delle persone anziane o di chi non era potuto essere presente al ritorno della paranza, portando la spasella, un cesto in vimini pieno di pesce. Nessuno doveva sentirsi abbandonato dai compaesani.

Quest’usanza durò fino agli anni Sessanta per poi essere abbandonata gradualmente e definitivamente sia per il decentramento degli abitanti originari, sia per l’eccessivo costo che hanno oggi le paranze per ogni giornata di lavoro.

[1] Il momento in cui la rete è in pesca a strascico.

 

 

Questo racconto, pubblicato con l’autorizzazione dell’autore, è tratto dal libro “RACCONTI DI PORTODANZIO ” di Ciro Spina, edito dall’Associazione Culturale 00042

Condividi questo articolo:

Share to Google Buzz
Share to Google Plus
Share to LiveJournal
Share to MyWorld
Share to Odnoklassniki
Share to Yandex

Articoli Correlati:

Costituzione parte civile Comune di Nettuno nel processo clan Casalesi- Sfinge
Anzio- Intervista a Ruggero Garzia:"Situazione politica drammatica, La Destra rinnega il propri...
Parole e musica per ricordare la Liberazione
RAC sconfitta a Roma nell'ultima gara del 2014
Nettuno. Apre il parcheggio a Torre Astura, firmata oggi la convenzione
Nettuno- Un piazzale intitolato a Peppino Impastato, vittima di mafia

avatar Scritto da il lug 23 2017. Registrato sotto Attualità, Le Immagini, Prima Pagina. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. I commenti sono terminati ma puoi seguirli dal tuo proprio sito.

Commenti terminati

Galleria fotografica

Accedi | webmaster