Come comprare la pubblicità su ILU
visita la pagina ufficiale
InLiberaUscita

Nettuno, l’Agraria e la storia dei terreni edificabili solo sulla carta

di Valerio Pizziconi

Massimo Cocuzza, deputato all'ambiente dell'Università Agraria di Nettuno

Massimo Cocuzza, deputato all’ambiente dell’Università Agraria di Nettuno

NETTUNO – In teoria sono aree edificabili, in pratica no. Ma lo stesso devono pagare l’Imu come se si trattasse di terreni su cui è possibile costruire. È il caso sollevato dall’assessore all’ambiente dell’Università Agraria di Nettuno Massimo Cocuzza, condiviso e sottoscritto dal Presidente dell’ente Giampiero Gabrieli, attraverso missiva indirizzata al sindaco di Nettuno Angelo Casto.

Apparentemente si tratta solo di una questione tecnica, ma nella realtà si tratta per molti cittadini di una questione economica, di cifre consistenti da sborsare ogni anno per un presunto diritto che – in realtà – non hanno. Senza contare la ricaduta economica in favore dell’ente in termini di valore delle alienazioni.

Proviamo a spiegare in modo semplice quello che semplice non è. L’imposta sugli immobili si applica anche ai terreni edificabili. Per stabilire quelli che sono tali si fa riferimento al piano regolatore e si agisce di conseguenza. Tutto logico, ma, essere proprietari di un terreno inserito dal Prg in un’area edificabile non vuol dire, automaticamente, che su quel terreno si possa costruire. Servono altro, per esempio un piano particolareggiato o un permesso per costruire, altrimenti quel terreno è edificabile solo in teoria.

Ma di  terreni edificabili da Prg, sui quali in realtà non si può costruire, a Nettuno, ve ne sono diversi e, per non farci mancare nulla, differiscono addirittura tra confinanti, della serie “a macchia di leopardo”. E su questi i proprietari sono chiamati a pagare l’Imu, sia chi dispone di permesso sia i meno fortunati.

Da qui la richiesta di risoluzione della questione da parte dei rappresentanti dell’ente agrario: «A seguito di rimostranze  verbali pervenute da numerosi utenti dell’Università Agraria di Nettuno, codesta Amministrazione Le scrive per sollecitare la soluzione del problema riguardante l’edificazione in zona S2 di P.R.G., in cui da tempo è sospeso il rilascio dei permessi a costruire».

Insomma un terreno che nel piano regolatore rientra tra le aree edificabili può benissimo essere un terreno su cui non si può costruire – un paradosso, ma è così – e, per la Cassazione, in quel caso sull’area deve essere applicata un’imposta – all’epoca Ici, oggi Imu – da terreno agricolo, non da terreno edificabile, come invece applicato dal comune di Nettuno, almeno stando alle dichiarazioni dei proprietari.

Non solo, ma nel caso in questione gli amministratori dell’ente agrario tirano in ballo un parere legale, firmato dall’ avvocato Guido Fiorillo, attualmente assessore all’urbanistica, allegato alla delibera comunale n°40 di consiglio comunale, il quale chiarisce che i terreni ricadenti in zona s2 del P.R.G. sono da inquadrarsi come zona omogenea di tipo C, confermando l’efficacia della Delibera nr. 24/09 di Consiglio Comunale a prescindere dell’inoltro della  stessa in Regione. Tale parere, precisa inoltre, che alla delibera del Consiglio Comunale nr. 24/09, inviata in Regione, non  sono pervenute osservazioni nei termini stabiliti dalla L.2l/09, per cui  è da ritenersi  che la norma approvata con  la deliberazione, abbia piena efficacia  ed osservanza.

guido-fiorillo


Guido Fiorillo, assessore all’urbanistica del comune di Nettuno

Resta da vedere, adesso, se l”assessore Fiorillo darà seguito a quanto riportato in quel famoso parere.

di seguito il testo completo dell’interrogazione:

“A seguito di rimostranze  verbali pervenute da numerosi utenti dell’Università Agraria di Nettuno, codesta Amministrazione Le scrive per sollecitare la soluzione del problema riguardante l’edificazione in zona S2 di P.R.G., in cui da tempo è sospeso il rilascio dei permessi a costruire.

L’Ente che rappresentiamo è interessato alla questione in quanto il valore di alienazione  dei terreni è determinato dal perito demaniale in relazione al certificato di Destinazione Urbanistica rilasciato dal Comune di Nettuno. Nel Certificato viene riportato che è consentita l’edificabilità su lotto minimo di mq 5.000 con indice di 0.05 mc/mq, di contro, nello  stesso, si dice  che l’edificabilità  è sospesa in riferimento al Piano Territoriale Paesistico Regionale. A definizione del problema edificatorio sono riportate, inoltre, due delibere di Consiglio Comunale: Ia nr.24 del 04.5.2009 e la nr. 40 dell’11.10.2012, quest’ultima con parere legale allegato, parte integrante, dove si ribadisce che tale zona è da considerarsi a tutti gli effetti come zona territoriale omogenea di tipo C, di cui il D.M. nr.1444168, ritenendo le norme tecniche del P.R.G.

La Legge Regionale nr.38/99 regolamenta con l’art. 54 l’edificazione in zona omogenea di tipo E, consentendola solo per la conduzione agricola del fondo su lotto minimo di 30.000 mq. e comunque con unità aziendali minima  non inferiore a 10.000 mq; con l’art. 56 l’edificazione in zona omogenea di tipo C, ove sono previsti insediamenti residenziali estensivi con lotto minimo di 5.000 mq., come riportato nella Delibera nr. 40 del Consiglio Comunale. I terreni di pertinenza dell’Università Agraria di Nettuno sono costituiti mediamente da lotti di 5.000 mq.e l’art 33 delle norme tecniche di attuazione del P.R.G. stabilisce che per l’edificazione occorre un lotto minimo di quelle dimensioni, perché  è stato tenuto conto dello stato di fatto che si era determinato, consolidato e non più suscettibile di modifiche prima dell’approvazione del P.R.G.

Il Parere Legale, allegato alla Delibera nr. 40 di Consiglio Comunale  chiarisce che i terreni ricadenti in zona s2 del P.R.G. sono da inquadrarsi come zona omogenea di tipo C, confermando l’efficacia della Delibera nr. 24/09 di Consiglio Comunale a prescindere dell’inoltro della  stessa in Regione. Tale parere, precisa inoltre, che alla delibera del Consiglio Comunale nr. 24/09, inviata in Regione, non  sono pervenute osservazioni nei termini stabiliti dalla L.2l/09, per cui  è da ritenersi  che la norma approvata con  la deliberazione, abbia piena efficacia  ed osservanza. Considerati gli anni trascorsi dalle Delibere 24/09 e 40/12 del Consiglio Comunale e nell’interesse degli utenti dell’Università agraria di Nettuno, proprietari dei terreni ricadenti in Zona S2, Le chiediamo di dare soluzione definitiva alla problematica, mediante l’attuazione delle delibere suddette, così  che il valore dei terreni sia correlato alla reale destinazione urbanistica, prevista dall’art. 33 delle norme tecniche di attuazione del P.R.G. Sicuri di un  suo risolutivo interessamento, restiamo in  attesa di riscontro”.

Condividi questo articolo:

Share to Google Buzz
Share to Google Plus
Share to LiveJournal
Share to MyWorld
Share to Odnoklassniki
Share to Yandex

Articoli Correlati:

Politiche- Risultati definitivi Camera nel Lazio
Festa dello Sport, c'è anche lo stand del Soft air
Partita benefica, da Anziolavinio "precisano": "Non garantita prima squadra"
Tulli: “Anni di bilanci truccati, Comune sull’orlo della bancarotta”
Aprilia. Ordinanza antiprostituzione, multe fino a 400 euro
Sbarco, 73 anni dopo. Tutti gli appuntamenti per non dimenticare

avatar Scritto da il mag 17 2017. Registrato sotto Politica, Prima Pagina. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Devi essere collegato per poter lasciare il tuo commento Collegati

Galleria fotografica

Accedi | webmaster