Come comprare la pubblicità su ILU
visita la pagina ufficiale
InLiberaUscita

Poli Autorizzati: il Frosinone “conferma” l’Anzio Calcio

I neroniani faranno parte del progetto del club ciociaro anche nella prossima stagione
roberto-guerra-incontra-i-ragazzi-della-scuola-calcio-dellanzio-insieme-al-responsabile-del-settore-giovanile-mario-guidaL’Anzio Calcio 1924 farà parte del progetto “Poli Autorizzati” del Frosinone anche nella prossima stagione. A confermare l’accordo è stato Roberto Guerra, responsabile organizzativo del progetto, presente giovedì pomeriggio al centro sportivo “Nando Pellegrini” di Anzio per l’ultimo appuntamento stagionale con la Scuola Calcio neroniana: «Siamo partiti due anni fa e, dopo una stagione di rodaggio, ora cominciamo a vedere i frutti del lavoro svolto. Insieme a Mario Guida, responsabile del settore giovanile dell’Anzio, siamo riusciti a portare le nostre metodologie di lavoro. Sappiamo che questo è un progetto a media-lunga scadenza e che una società dilettantistica ha bisogno di tempo per metabolizzare certe dinamiche di lavoro ma i risultati ottenuti qui sono ben visibili». Quanto fatto dal club ciociaro rappresenta un esempio di come, attraverso la programmazione, si possano raggiungere obiettivi difficilmente ipotizzabili fino a qualche anno prima: «Oggi tutti affermano di voler programmare, pochi lo fanno seriamente. Occorre dotarsi di una struttura societaria adeguata e di personale qualificato. Personalmente sono arrivato a Frosinone dieci anni fa, siamo partiti col gruppo dei Giovanissimi Nazionali del 1993 e, attraverso il lavoro siamo riusciti ad ottenere risultati che, nell’ambito del settore giovanile, non significa vincere titoli bensì dare la possibilità ai ragazzi di poter arrivare al professionismo. Mirko Gori e Luca Paganini sono due esempi di come, lavorando in questa maniera, si possano costruire i giocatori in casa». E l’Anzio, di ragazzi cresciuti nel vivaio, ne sa qualcosa, a cominciare dallo stesso Guida che, dopo aver appeso gli scarpini al chiodo all’indomani della promozione in Serie D nella scorsa stagione, si sta dedicando anima e corpo al lavoro dietro la scrivania: «Se il Frosinone ha confermato che il rapporto proseguirà, significa che abbiamo lavorato bene e per noi non può che essere motivo di vanto. Ringrazio il direttore generale Ernesto Salvini, col quale ho avuto il primo contatto due anni fa e che si è fatto promotore di questa iniziativa, da parte nostra è un onore essere associati ad una società professionistica». I numeri in costante aumento, per quanto riguarda gli iscritti, testimoniano la bontà del lavoro svolto dall’Anzio: «L’importante è mantenere alti gli standard qualitativi – sottolinea Guida – La crescita dei ragazzi è la priorità, per questo abbiamo il supporto del coordinatore motorio ogni settimana e, inoltre, molti dei nostri istruttori della Scuola Calcio sono ex giocatori o giocatori ancora in attività con la prima squadra dell’Anzio, come Andrea Pucino, Simone Rizzaro e Fabio Ferrari. Ho scelto di affidare a loro alcune categorie perché ritengo che, chi vive o ha vissuto quotidianamente lo spogliatoio, possa avere un tipo di esperienza che non si può apprendere soltanto con la teoria».
testo e foto di Matteo Ferri

Condividi questo articolo:

Share to Google Buzz
Share to Google Plus
Share to LiveJournal
Share to MyWorld
Share to Odnoklassniki
Share to Yandex

Articoli Correlati:

Nettuno, attesa per il consiglio di oggi sul Parcheggione
Nettuno, la Parkroi realizzerà il multipiano a piazzale Berlinguer
Due incidenti sulla Pontina, traffico in tilt da ore
Tor San Lorenzo, maggiore polizia locale sventa scippo
Follia a Cretarossa, ragazza si rotola a terra e grida aiuto
Regione Lazio. 70mila euro di aiuto per l'avviamento dei giovani agricoltori

avatar Scritto da il mag 19 2017. Registrato sotto Calcio, Personaggi e interviste, Prima Pagina, Sport. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Devi essere collegato per poter lasciare il tuo commento Collegati

Galleria fotografica

Accedi | webmaster