Come comprare la pubblicità su ILU
visita la pagina ufficiale
InLiberaUscita

Permettetemi una riflessione… Quando un sorriso diventa un inno alla vita…

di Menuccia Nardi

bebe_vio_2014_iwas_european_championships_ffs-in_t173213-fileminimizerCome avrete capito leggendomi in questi mesi io non sono una grande sportiva (amo camminare, questo sì, ma non vado oltre, anche perché ormai ho superato l’età temo): forse da bambina non ho mostrato particolare inclinazione per nessuno sport – pur avendo seguito qualche corso, ma senza troppa convinzione – o forse non sono stata indirizzata allo sport adatto, chissà. I miei tra l’altro non mi hanno mai spronata più di tanto all’attività fisica, credo indotti in buona fede dal vedermi spesso isolata a leggere un libro, convincendosi così che fosse un’altra la mia strada e che comunque le attività con alto tasso di sudorazione non fossero alla mia portata. Forse è realmente così, semplicemente non sono portata, eppure dallo sport sono profondamente affascinata, pur non essendo in realtà appassionata né tifosa di una disciplina sportiva in particolare, ma rimango sempre colpita e rapita dagli atleti che dello sport fanno una ragione di vita, che quando li vedi gareggiare capisci e percepisci il sacrificio, la dedizione e l’entusiasmo che mettono in ciò che fanno.

E ultimamente c’è un’atleta che mi fa questo effetto, che mi appassiona, e da cui sono rapita e affascinata: una ragazza giovanissima, 20 anni appena, un’italiana (e lo dico orgogliosa), veneta per l’esattezza, classe 1997, nome Beatrice Vio, detta “Bebe”, Bebe Vio.

Di Bebe conosciamo tutti la storia: si avvicina alla scherma fin da bambina, a soli 5 anni, poi nel 2008, 11 anni appena, la malattia, una meningite fulminante che costringe i medici ad amputarle tutti e 4 gli arti e che le lascia segni anche sul viso. Credo sia umano chiedersi cosa spinge a questo punto un essere umano a reagire a una cosa così, in quale cassetto della nostra testa o del nostro cuore sta la forza di volontà per andare oltre… Io non so dove sia con esattezza, ma credo che lei lo sappia, perché l’ha trovata quella forza ed è andata oltre e lo ha fatto in maniera eccezionale. Vengono progettate per lei delle speciali protesi per continuare a praticare la scherma, il fioretto per l’esattezza e lei non si limita a praticarlo, no, Bebe diventa campionessa paralimpica, Bebe trasforma tutto in oro, in medaglie d’oro per essere esatti, e vince, vince tutto: campionessa italiana assoluta nel 2012 e nel 2013, oro ai campionati europei paralimpici nel 2014, oro ai mondiali del 2015, oro a Rio 2016, ed è ancora oro ai recentissimi campionati mondiali di scherma paralimpici disputati nei giorni scorsi a Fiumicino. E tra una vittoria e l’altra quel sorriso, spontaneo, coinvolgente, che infiamma il cuore di chi la segue e che mi fa pensare tutte le volte all’Inno alla gioia di Beethoven, forse perché nella mia testa anche il suo sorriso è un inno, un inno alla vita…

dal blog https://inostriocchisulmondo.wordpress.com/

Condividi questo articolo:

Share to Google Buzz
Share to Google Plus
Share to LiveJournal
Share to MyWorld
Share to Odnoklassniki
Share to Yandex

Articoli Correlati:

Nettuno - Allagato il parcheggio alla Stazione, il disagio dei pendolari
Modello 730, istruzioni e novità per la dichiarazione dei redditi
Nettuno- Incendio in un villino a San Giacomo
Aprilia. Lavori di riqualificazione di impianti sportivi, stanziati 250 mila euro
Incendio EcoX, incontro pubblico con i tecnici dell'Osservatorio Amianto
Marina Inches si dimette dal Cda della Capo d'Anzio

avatar Scritto da il nov 13 2017. Registrato sotto Permettetemi una riflessione, Prima Pagina, Rubriche. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. I commenti sono terminati ma puoi seguirli dal tuo proprio sito.

Commenti terminati

Galleria fotografica

Accedi | webmaster