02/03/2024
Come evitare gli sprechi energetici con le caldaie

Come evitare gli sprechi energetici con le caldaie

Soprattutto negli ultimi tempi, cercare di risparmiare sul riscaldamento è diventato fondamentale per evitare di trovarsi davanti maxi-bollette dai costi inverosimili, ed è anche una buona abitudine che fa bene all’ambiente.

I consumi derivati dall’uso della caldaia possono variare di molto in base allo stile di vita, al tipo di impianto e ad altri fattori sia interni che esterni. In genere, però, il consumo medio di una caldaia va dai 2 ai 12 kW all’ora, ovvero da 0,20 a 1,25 metri cubi di gas. Considerando che un metro cubo costa circa 1,25€, per una famiglia media la bolletta sfiora i 90€. Ci sono però diversi modi per risparmiare sul riscaldamento, e soprattutto per evitare gli sprechi energetici con la caldaia.

Manutenzione della caldaia per evitare sprechi di energia

Il primo passo per ridurre i propri consumi è effettuare la manutenzione periodica della caldaia. Un impianto sporco o che presenta al suo interno incrostazioni di calcare fa molta più fatica a funzionare, e questo comporta basse prestazioni e costi elevati.

Al contrario, un impianto pulito funziona alla perfezione e con una netta riduzione dei consumi. Contatta un tecnico nella tua città e assicurati insieme a lui che la tua caldaia non abbia problemi né di sporco né di altro tipo che possano compromettere la sua efficienza. Ci sono molte aziende che si occupano di questo in modo specializzato, per esempio a questo link puoi vedere modalità e interventi effettuati da un’azienda di assistenza caldaie a Roma.

Risparmiare sul riscaldamento: le buone abitudini

Per vedere i consumi in bolletta scendere drasticamente, prova a:

  • Controllare la temperatura impostata: potrebbe essere eccessiva. È vero che, secondo la normativa, si può tenere la temperatura a 20 gradi (più due di tolleranza), ma è anche vero che non è necessario. Una temperatura di 18-19 gradi è sufficiente per generare calore sufficiente e garantirti il comfort che cerchi. E considera che ogni grado in meno comporterà un risparmio in bolletta del 5-10%!
  • Lasciare ventilare i caloriferi: coprire i radiatori non permette la diffusione del calore, e in questo modo rimangono accesi senza però riscaldare davvero l’ambiente. E questo genera un grande spreco di energia, e di conseguenza di denaro. L’ideale è di lasciare i termosifoni totalmente scoperti, senza appoggiarci nulla sopra e senza nasconderli con lunghe tende.
  • Chiudere tapparelle e persiane di sera: durante le ore più fredde e quando c’è buio, non è necessario lasciare le persiane aperte. Anzi, è meglio chiudere per evitare inutili dispersioni di calore.
  • Installare valvole termostatiche: servono a regolare il flusso di acqua calda nei caloriferi, e così la temperatura non può mai andare oltre quella impostata. Permettono di risparmiare fino al 20%.
  • Optare per la domotica: esistono cronotermostati e regolatori che ti permettono di controllare a distanza il tuo sistema di riscaldamento. Anche se non sei a casa e ti sei dimenticato di spegnerlo, per esempio, puoi tranquillamente premere un semplice pulsante sul tuo cellulare e spegnerlo da remoto. Così eviti inutili sprechi di energia.
  • Installare pannelli riflettenti: si tratta di fogli di carta stagnola posti tra il muro e il calorifero che si rivelano molto utili nella riduzione della dispersione di calore verso l’esterno.

Scegliere una caldaia a condensazione per evitare gli sprechi

Se stai valutando l’acquisto di un nuovo impianto o la sostituzione di quello vecchio, la scelta migliore per risparmiare e tutelare l’ambiente è optare per una caldaia a condensazione.

Questo tipo di impianto sfrutta i fumi che vengono prodotti dalla combustione del gas per produrre altra energia, con un utilizzo del 100% del potere comburente. Si tratta di una soluzione molto più sostenibile sia per l’ambiente sia per le tue tasche: infatti, si risparmia dal 20% in su! E insieme all’installazione di pannelli solari, il risparmio arriva fino al 50%.