29/11/2022
Come si segnala un cantiere mobile?

Come si segnala un cantiere mobile?

Come da codice della strada, i segnali temporanei vanno apposti in corrispondenza di lavori, cantieri o deviazioni la cui durata prevista sia superiore a 7 giorni.

Lo scopo è quello di avvisare per tempo gli utenti della strada dell’esistenza di un eventuale cantiere o deviazione, così da indicare loro il corretto atteggiamento da mantenere alla guida e consentirgli di raggiungere e superare gli impedimento senza alcun tipo di pericolo.

Chiaramente non sono soltanto gli eventuali automobilisti ad essere soggetti a rischi di qualsiasi tipo, ma anche e soprattutto gli operai e tutti i lavoratori che si trovano all’interno della eventuale area di cantiere.

Segnaletica orizzontale temporanea: quando è obbligatoria?

Come accennato, è la durata dell’eventuale cantiere a determinare l’obbligo di presenza della segnaletica orizzontale temporanea.

In particolar modo la legge prevede che questa debba essere presente quando l’eventuale cantiere o deviazione abbia una durata che vada oltre i 7 giorni lavorativi.

Fanno eccezione quei casi in cui le condizioni particolari del fondo stradale o quelle atmosferiche impediscono che questi vengano apposti.

Come segnalare un cantiere mobile?

Per quel che riguarda il segnalare un cantiere mobile, con particolare riferimento a strade che abbiano due o più corsie per ogni senso di marcia, è necessaria la presenza di veicoli specificatamente attrezzati.

In particolare è necessario prevedere dei segnali che anticipino l’eventuale cantiere e quelli che aiutino ad individuarlo.

Chiaramente le fasi più delicate di un cantiere mobile sono proprio quelle di posizionamento e rimozione di cartelli e segnaletica stradale, considerando i rischi legati al traffico sopraggiungente.

Proprio per questo motivo tali operazioni vanno effettuate in assenza di traffico, per evitare di esporre ad inutili pericoli sia i lavoratori che gli utenti della strada.

Dove si appone la segnaletica temporanea?

È l’articolo 136 del Codice della Strada ad offrire le indicazioni necessarie in tal senso. Bisogna infatti collocare tali segnali in prossimità del cantiere o deviazione, ed è possibile prevedere anche la presenza di eventuali pannelli integrativi.

Ricordiamo che è proprio grazie a questo tipo di segnaletica che è possibile avvisare in tempo gli utenti della strada di condizioni particolari sulla carreggiata, ed evitare così che possano esserci conseguenze di ogni tipo.

Sul sito SibeShop.com è possibile individuare sia i cartelli per la segnaletica stradale temporanea che i pannelli integrativi, con la possibilità di poter personalizzare ogni segnale in base alle proprie necessità.

Quando va rimossa la segnaletica stradale temporanea?

Secondo la normativa vigente la segnaletica stradale temporanea va rimossa nel momento in cui cessano le cause per le quali si era reso necessario il doverle posizionare.

In condizioni di assenza di traffico, gli operatori possono muoversi all’interno del cantiere raccogliendo la segnaletica presente sul tratto di strada fino a raggiungere il punto di fine cantiere.

Si tratta di una procedura che va seguita scrupolosamente per garantire la sicurezza di coloro i quali lavorano all’interno del cantiere e fare in modo che possano rimuovere la segnaletica stradale senza alcun tipo di conseguenza o incorrere in un potenziale pericolo.

Quali colori devono avere i cartelli presenti all’interno del cantiere?

Ricordiamo che al variare dei colori cambia anche il tipo di informazione che si desidera comunicare agli automobilisti.

In particolare il colore rosso si utilizza per i segnali di divieto, i quali hanno la tipica forma rotonda che li contraddistingue. Il colore giallo è invece adoperato per i segnali di avvertimento. L’azzurro è adoperato per i segnali di prescrizione mentre il verde è adoperato per cartelli che riguardano il salvataggio o il soccorso delle persone.

In breve

Grazie a questi cartelli è dunque possibile aumentare notevolmente il livello di sicurezza sulle strade, riducendo in maniera drastica il numero di sinistri ed episodi con conseguenze di ogni tipo.