07/08/2020
Tomahawk carne: come preparare al meglio questa gustosa carne

Tomahawk carne: come preparare al meglio questa gustosa carne

Sapevi che la parola Tomahawk, tra i nativi americani sta a significare ‘ascia di guerra’? E cosa c’entrano allora le due parole tomahawk carne insieme? È quello che scoprirai leggendo questa guida, nella quale ti spiegheremo non solo perché questa carne tanto prelibata si chiama così, ma anche qual è il modo migliore per prepararla.

Tomahawk carne: il segreto del nome è nella sua forma

Come ti abbiamo anticipato, l’ascia di guerra dei nativi americani è proprio la Tomahawk, e dato che la succulenta carne di cui ti stiamo parlando ha proprio una forma che ricorda questo sacro strumento, ecco che gli è stato dato questo nome particolare.
Stiamo parlando di una bistecca di manzo, che si ottiene dal punto collocato nella schiena, ed esattamente nel centro.
Bistecca in effetti è un termine restrittivo quando si parla della Tomahawk, perché le misure non sono di certo quelle adatte a chi non ha molto appetito.
Ed a proposito di appetito, vediamo come preparare una squisita bistecca ‘Tomahawk’, rispettando alcune semplici ma importanti regole.

Come preparare la carne Tomahawk

Sulla brace, non c’è dubbio, al massimo grigliata, naturalmente all’aperto se possibile.
Questo è senza dubbio il modo migliore per gustare questa bistecca.
Il motivo è duplice: da un lato lo si fa per mantenere inalterato il suo succulento sapore, che potrebbe essere alterato se la carne fosse cotta in padella con aromi o condimenti vari.
In secondo luogo, la cottura alla brace, se non lo sapevi, è il metodi più dietetico, perché evita l’aggiunta di grassi ma al contrario elimina con il fuoco il grasso in eccesso della carne, e non richiede fritture.
Il segreto però è trovare il punto giusto di cottura, perché seccare una Tomahawk sarebbe davvero un gran peccato.
Naturalmente se non disponi di un barbecue all’aperto o di una griglia, andrà benissimo anche la piastra antiaderente di casa. Ricordati però di aprire le finestre e di azionare la ventola di aspirazione.

Qualche curiosità

Se hai degli invitati, regolati predisponendo per loro una bistecca a testa.
Le Tomahawk pesano circa 1 kg l’una, quindi non ci sarà bisogno di altro, se non una bella insalata ad accompagnare il tutto.
Del resto se le Tomahawk sono conosciute anche con il nome di bistecche della preistoria ci sarà un motivo no?
La carne arriva dall’Australia e si è diffusa molto presto in America e poi anche in Italia. Non è raro infatti trovarla nelle catene di steck house o nei ristoranti specializzati in carne alla brace.
Come ultima curiosità, devi sapere che il manzo da cui viene ottenuta questa carne è, come abbiamo detto, australiano.
Tuttavia, le razze che sono state incrociate fanno la differenza, perché stiamo parlando delle famose ‘Wagyu’ e ‘Black Angus’.

In pratica si tratta di una carne che unisce il sapore deciso e gustoso della costata con la tipica tenerezza di un filetto.
L’altra particolarità della bistecca, che ti aiuta anche a riconoscerla, è la presenza dell’osso, senza il quale non si può parlare della carne che ricorda l’ascia da guerra.
Il fatto che vi sia l’osso però non rappresenta solo una particolarità, ma anche un pregio, perché la cottura della bistecca sarà meglio distribuita per un risultato ottimale.
Vuoi un piccolo trucco di cottura? Prima di mettere la carne sulla brace spennellala con un po’ di olio intriso di rosmarino. Darà alla carne un tocco in più.